Le parole di Andrea Pirlo nella conferenza stampa pre Sassuolo vs Juventus, gara valida per la 36ª giornata della Serie A 2020/2021, in programma domani alle 20:45 al Mapei Stadium di Reggio Emilia.

NIENTE RASSEGNAZIONE “Domani dobbiamo fare una grande partita, ma la cosa più importante è che non voglio vedere rassegnazione nei ragazzi perché mancano ancora tre partite e siamo ad un punto dalla Champions. Sono nel calcio da tanti anni e ne ho viste di tutti i colori, ho visto vincere campionati all’ultima giornata e perdere Champions all’ultimo secondo. Io stesso ho perso una Champions League vincendo tre a zero il primo tempo, quindi non deve esserci rassegnazione ma grande positività.”

CR7“Non abbiamo ancora parlato di un turno di riposo in vista di inter e finale di Coppa Italia. Cristiano quest’anno ha giocato tante partite, oggi dopo l’allenamento vedremo come sta e decideremo il da farsi, ma quella di domani è una sfida importante e delicata.”

GOSSIP E COSE INVENTATE“Non ho nulla da dire in merito alla presunta lite Paratici-Nedved sulla mia conferma perché non voglio entrare in questioni di gossip e cose inventate. Per quello che riguarda Gravina sono cose esterne che dobbiamo lasciare da parte. Come ho sempre detto, il nostro obiettivo è soltanto quello di meritarci la Champions sul campo.”

STIPENDI“Non ho mai sentito niente in merito a problemi relativi agli stipendi. I pagamenti sono sempre stati regolari, quindi andiamo avanti così, sereni.”

ARTHUR E DANILO“Si sono allenati regolarmente in gruppo e stanno bene. Danilo ha recuperato dal problemino che ha avuto nelle scorse settimane. Domani potrebbero partire entrambi dall’inizio.”

NEL CALCIO LA GRINTA NON È FONDAMENTALE“Nel calcio sento spesso parlare di grinta, ma non credo sia una cosa fondamentale. Non basta dire alla squadra “metteteci grinta” per vincere le partite. Certo, ho sempre chiesto un atteggiamento diverso – come hai detto te – di “avere la bava alla bocca” – perché in certe occasioni bisogna avere il sangue negli occhi e un fuoco che ti brucia dentro nello stomaco per cercare di raggiungere i risultati. Ma parlare solo di “metterci grinta” è una cosa ridicola, è una cosa che si diceva cinquant’anni fa e che nel calcio di oggi non basta.”

NON HO PAURA“Io non ho paura. Penso solo al bene della Juventus che è la cosa più importante, poi i risultati diranno se il prossimo anno sarò ancora l’allenatore di questa squadra. La Juve viene prima di tutto, dei giocatori e degli allenatori, quindi io finché sarò qui cercherò di fare il meglio questa società.”

SIAMO INCAZZATI“In me c’è ancora tanta carica per questo finale di stagione. Siamo incazzati e come ho detto prima non dobbiamo rassegnarci a questo tipo di classifica. Siamo la Juventus e abbiamo il dovere di crederci fino alla fine”.

POTREBBE INTERESSARTI

CONDIVIDI